Composizione A010: come inserire il Pantone greenery nel soggiorno

Per quest’anno, il colore principe è il Pantone greenery. Scopriamo come utilizzarlo in soggiorno

Come ogni anno, l’azienda statunitense Pantone, massima esperta in fatto di colori moda, ha decretato il greenery re dell’interior design. La sua anima frizzante ha il compito di chiamare subito alla mente la primavera, e per questa ragione, sa sposarsi egregiamente con i toni sia caldi che freddi. Il Pantone greenery è un verde chiarissimo e brillante che parla di vitalità e rinascita. Per renderlo protagonista del proprio living non è necessario ridecorarne le pareti, potrebbe essere sufficiente aggiungerlo a mo’ di dettaglio con tessili, complementi o pezzi d’arredo dalle forme evocative.

Una forza propulsiva per l’antico e il moderno

Se abbinato a colori pastello come il gesso e il quarzo, il Pantone greenery trasforma il living da romantico a brioso. In un salotto total white brillerà in tutto il suo splendore, mentre se lasciato solo, insieme ai toni neutri del taupe e del sabbia, aggiungerà un tocco di modernità.
Il Pantone greenery racchiude in sé tutta la forza della natura, perciò non stupisce che sia capace di iniettare freschezza e allegria anche negli arredi più sofisticati. Un esempio? I soggiorni di gusto industriale, dove a farla da padrone sono le nuance in total look. Per personalizzare l’open space, potrebbe essere sufficiente distribuire un tocco di Pantone greenery attorno alla penisola con effetto materico con degli sgabelli in materiale plastico, da ripetere in tutti gli angoli della zona giorno con piante rigogliose, sculture vegetali e i mobili contenitore di Gruppo Tomasella. Si tratta di mobili capaci di dare vita a un microcosmo che arreda e riordina con la semplicità innovativa del design unito al mix di materiali.

Per riconnettersi con la natura

Deciso, versatile, rinvigorente, il Pantone greenery raggiunge il massimo della sua straripante potenza quando può essere abbinato a complementi che siano in grado di riprodurre l’ambiente naturalistico. Ne sono un esempio i divani di gusto tapestry tono su tono e i soprammobili marinière-style. In questo caso, è possibile sbizzarrirsi con il colore, lasciando che siano le pareti e i tessili a rappresentare il vero antidoto alla tristezza.
La casa al mare, ad esempio, potrebbe beneficiare di cuscini in tinta unita o a righe ma anche della presenza del cosiddetto ‘verde verticale’, vere e proprie serre sviluppate su vani contenitori e mensole basic.

Il Pantone greenery è un verde chiarissimo e brillante che parla di vitalità e rinascita

Ma il Pantone greenery è capace di dare nuova linfa anche ai salotti etnici e a quelli di gusto scandinavo, con l’uso di carta da parati in coordinato. Per far risaltare i mobili in arte povera, ferro battuto e rattan, basta puntare sulle micro-geometrie delle maioliche marocchine, mentre per dare un pizzico di vitalità al minimalismo asciutto di provenienza scandinava, occorrono carte da parati ecologiche con effetto natural look, da accostare a tappeti che sembrano prati e a stampe di paesaggi trompe-l’oeil da appendere sull’intera parete libera.

Per tramutare uno stile

Se associato a tonalità altrettanto vivide come arancione e dalia, il Pantone greenery può diventare il perfetto complemento di un living jungle-style, dove divani fantasia e soprammobili scultorei si sposano alla perfezione con la composizione A010 di Gruppo Tomasella. Una composizione semplice e contemporanea che si fa creativa con l’aggiunta di Petalo, pensile in metallo laccato opaco che somiglia a dei petali, utile per riporre libri e DVD. Un vero gioco di contrasti che si alimenta con il piano PANKA in materico nodato chiaro, che sembra voler ricreare un giardino esotico in città.

Salva

Salva